Torna all'evento

Happy Happy Hanukkah!

Hanukkah è una delle feste ebraiche più conosciute e amate. La festività viene a volte definita il Natale ebraico, ma a parte lo scambio dei regali è completamente diversa, anche la carta in cui avvolgere i regali è bianca e blu e non rosso e verde, e le candele sono di solito dello stesso colore probabilmente in omaggio alla bandiera di Isreale
E' la festa della luce, e di come la si raggiunge dopo un periodo di buio, dura otto giorni e commemora la vittoria dei Maccabei sugli Ellenisti (II secolo a.C.) e il miracolo dell’ampolla d’olio da loro trovata nel tempio sconsacrato, che pur essendo sufficiente per un solo giorno, durò per otto giorni.
In tutto il mondo viene messo un grande candelabro su una piazza e dopo la “beracha” (benedizione) sulle candele comincia la festa con balli e canti. .A Milano il grande candelabro è in piazza San Babila mentre a New York c'è la Hanukkiah più alta del mondo che viene alzata in Grand Army Plaza, tra la Fifth Avenue e la West 59th Stree e si tengono tanti parties per singles chiamati Matzobal
Quest’anno Hanukkah ha inizio il 6 dicembre e termina il 14.
Secondo la tradizione, ogni sera si accende una candela della ‘chanukkiah, il candelabro è a nove bracci, dove le candele sono otto come i giorni di Hanukkah, più una che serve ad accendere le altre.

le specialità di Hanukkah sono principalmente fritte, sempre nel ricordo dell’importanza che l’olio ha avuto nella storia della festa. Nel periodo di Hanukkah non devono mai mancare i Sufganiot, (ciambelle), e i Latkes (frittelle di patate anche se tuttavia iMaccabei, mangiavano latke dii verdure poiché le patate furono scoperte nel XVI secolo. ), e i blintzes al formaggio, mentre ai bimbi si è soliti regalare le Hanukkah gelt, monete di cioccolato, che oltre ad essere deliziose portano fortuna
La cena comprenderà tanti antipasti, chiamati meze che si mangiano direttamente dal piatto di portata, accompagnandoli con pezzetti di pane azzimo caldo.
Lo hummus, il baba ganush, le tante verdure piene di sapori esotici e i i falafel.... quelli di Tel Aviv e di Gerusalemme sono i più buoni al mondo. Piccoli e insidiosi, se ne mangerebbero 100, perfetti per i palati vegetariani e per chi ama e cerca la cucina ebraica, fantastici se affogati nello hummus o nella tahina. Pollo al limone speziato e pollo alle albicocche di tradizione libanese, per finire un dolce Sahleb libanese e i i Sufganiot, con caffè arabo e cardamomo o tea alla menta marocchino.

(N.B.La materia prima non segue le regole della kasherut)


Una cena speciale in una calda e avvolgente orangerie mentre fuori l'inverno ha spogliato gli alberi ma ancora conserva i suoi fiori arancioni. Una cena sui tetti di Milano circondati da un terrazzo/giardino, un cane gioioso, i gattini che spiano dalle finestre, qualche amico di sempre che si unisce ad amici nuovi, ed ecco creato un connubio vincente una serata indimenticabile. Cucina da tutto il mondo, assaggiata ed imparata durante i miei viaggi con vino ad accompagnare (1/3 di bottiglia a testa, chi prevedesse extra beverages,la pratica del BYOB è fortemente consigliata).
Ho fatto il giro del mondo almeno 4 volte e mi è rimasta la curiosità dei sapori esotici, dei brunch a casa di amici a New York o a Cape Town. Ho sempre comprato spezie, tea, cibi esotici ed introvabili ovunque andassi. E torno sempre con la valigia piena di qualche golosità. Mi piace condividere la cucina imparata e assaggiata in tutto il mondo, spesso a casa di amici a cui chiedevo le ricette che segnavo gelosamente sul taccuino nero. Una Moleskina tutta da mangiare!!!


MENU

Humus di ceci
Babaganoush (di melanzane)
Labna (formaggio di yougurt)
Latkes (frittelle di patate)
Pita
Cus Cus
Carote al miele e zenzero
Matbucha (peperoni alla marocchina)
Melanzane all'israeliana
Zucchine con camun
Pollo al limone piccante
Pollo alle albicocche e uvette
Polpette vegetariane (falafel)
Polpette piccanti non vegetariane
Sahleb (dolce libanese)
Sufganiot (ciambelle di Hanukkah)
Hanukkah gelt (monete di cioccolatto)
Caffè arabo speziato
Tea alla menta fresca
Vino rosso
o
Birra

FOODandFRIENDS

milano
#Cook  #Host 
su Gnammo da 3 anni, 9 mesi
338 voti
Il buon cibo è il fondamento della vera felicità (Auguste Escoffier)
michela.cimatoribus

Bruna è una cuoca e padrona di casa eccezionale, il menu era veramente eccellente e così le birre artigianali in abbinamento. Ambiente molto accogliente e famigliare, compagnia piacevole e cordiale. Una serata da ricordare!

raffaela_perucco

Non esiste nulla di più bello che essere accolti da un sorriso e da un buon cibo!! Serata dove si è subito creata un' atmosfera piacevole fra i commensali.

Luogo

milano