Back to the events

IN TOSCANA NEL RINASCIMENTO

Trasformandommi in scalco galenico, come un menu tal questo necessita, presi a cuore la salute di chi mangia, al modo galenico appunto. Di modo che, adagio adagio, mi accomodai in essa postura et iniziai a cucinar gli intingoli alquanto diversi dai moderni. E siccome il gusto originale non potrebbe dilettare, al seguito, troverai le vivande arrangiate secondo l'uso delle città moderne, ma solo uno poco, per non esser da meno allo respecto traditionem. Ad mia traditione respecto, cose conosciute e mai sentite, novelle, tecnica e passione.

MENU

Disponibile anche On Demand

Antipasti
• Piatto di frutta di stagione con ricotta, cannella e sale Maldon 
Per attivare gli acidi della digestione, per mettere in movimento lo stomaco con ingredienti
che danno un nutrimento leggero e misurato.

• Crostini toscani di fegatini al vin santo
Uno ricorrente preparato del fegato di pollastrotti sopra bonissimo pane.

• Cestino di cardi in crosta
Madama Caterina de Medici della cucina fiorentina grande amante, dopo l’arrivo in Francia
quale moglie di Enrico II d’Orleans, non ebbe figli per due anni ed in quel periodo esercitò o
meglio, fece esercitare dai cuochi del Mugello che l’avevano seguita a Parigi, le arti
culinarie che tanto amava. Tra gli ingredienti introdotti in Francia spiccavano alcune
verdure tra cui il cardo, da Caterina considerato afrodisiaco.

• Carbonata
Dove si procura di avere una salsa più dolce che forte et alla fine la si porta in tavola sulle
fette di pane bonissimo lardellato con prosciutto fine.


Primo
• Carabaccia
Suppa de cipolla alla moda di Messer Cristoforo Messisbugo, che lui insegnò a Messer
Bartolomeo Scappi, maestro nell’arte del cucinare, e da lui a Messer Giovanni del Turco, di
cui mi fregio esser discepolo osservante e lettore devoto.

Secondo
• Peposo delle fornaci dell’Impruneta con crostone di polenta
Bonissima pietanza, delle cose fatte dal Messer Filippo Brunelleschi per l’homini sua
che havieno a costruir la cupola bellissima cum necessitate de grande forza dallo cibo.
Ad osservanza Sua, si serve la carne che s’ha da cuocere in pentola
invetriata cum spetierie comuni et vino et uno poco di pepe et cum delizia de polenta
rosta. 

Dolce
• Torta d’inverno
Torta di massima eccellenza, di zucharo, fichi asciutti, noce et pignoli et scorze confette.

cookINtorino

Torino
#Blogger  #Cook  #Digital Guru 
joined GNAMMO on 3 years, 3 months
37 voti
Sono un cuoco. Mangio e mi piace mangiare e quando cucino amo, cucino e amo.
AndreaSasuka

Buona cucina, buon cooking knowhow, bella presentazione dei piatti.

Golden_Moments

Ci siamo trovati molto bene, grazie! È stato molto generoso e paziente! Grazie ancora Alice e Leonardo

Location

Torino

Booked Gnammers!

11/11
Minimum required: 2
elena.rossibonzagni
elena.rossibonzagni
elena.rossibonzagni
elena.rossibonzagni
elena.rossibonzagni
elena.rossibonzagni
alessio.zegna
alessio.zegna
alessio.zegna
mteresa.dedottori@gmail.com
Stefania_Maria
11 BOOKED
11 AVAILABLE